LE TRAVERSIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

LE TRAVERSIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film
LE TRAVERSIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

martedì 21 aprile 2020

#neve - con la luce

Sabato 01.02.2020 ore 17:28:07 

E alla fine del sabato, dopo tanta strada percorsa nella neve patocca, senza vedere praticamente nulla, vagando a vista dentro il bianco accecante delle nuvole basse, abbiamo capito che ne era valsa la pena. La luce dell'ultimo sole filtrava tra due strati di nubi e tutto ciò che non avevamo visto per l'intera giornata si è mostrato nella sua magnificenza. Gli zaini continuavano ad essere pesanti e la fatica si faceva sentire, come il freddo che mordeva le mani, ma noi ci sentivamo leggeri e appagati nel trovarci lì, avvolti nella luce del tramonto. E quell'intera giornata passata a cercare la giusta strada veniva illuminata da un senso compiuto. Eravamo lì per dare soddisfazione ai nostri desideri. Eravamo semplicemente lì, vuoti e pieni nello stesso istante, con lo sguardo colmo di tanta meraviglia.
Ancora un'ora ci separava dal locale invernale che ci avrebbe accolto per la notte. E intanto le nubi si dissolvevano nel silenzio della notte, svelando una luna candida e una luminosa spruzzata di stelle.

#spartiacque - Giorno unodidue
Passo di Zambla, cima Grem, cima Foppazzi, baite Camplano, Capanna 2000, Sentiero dei Fiori, baita di Vedra, passo Branchino, baite di Mezzeno, passo laghi Gemelli, rifugio laghi Gemelli (locale invernale).
12 ore; 27,20 km; 2.300 m D+


_______________________________________________________________

Domenica 02.02.2020 ore 11:09:56 

Giornata strepitosa in cui devo fare il conto con le mie ambizioni, sempre troppo oltre le mie reali possibilità. Sulla carta sembra tutto facile, tutto veloce, tutto già fatto. E mi immagino di arrivare velocemente al Diavolo di Tenda. Poi, quando mi metto in cammino, tutto cambia. Lo spazio topografico diviene spazio reale da attraversare con la sola forza dei miei muscoli, il battere del mio cuore, il ritmo del mio respiro e una volontà caparbia a cui sono affezionato. Non mollare. Mi godo allora ogni passo, ogni sosta, ogni sguardo, ogni parola scambiata con il mio amico Marco. Mi godo pure il peso del zaino. Procedo, lungo lo spartiacque, colle dopo colle, cima dopo cima. Lascio scorrere il tempo senza affannarmi, dosando le energie che ancora mi restano. Attraverso e mi lascio attraversare, mentre scivolo sulla la neve.
#spartiacque - Giorno duedidue
laghi Gemelli, passo d'Aviasco, Monte dei Frati, Monte Val Rossa , Monte Cabianca, Lago dei Curiosi, Tacca dei Curiosi, Monte Madonnino, Baita Cernello, Monte Segnale, Valgoglio.
10 ore; 25,00 km; 1.500 m D+

Nessun commento: