LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film
LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

mercoledì 30 maggio 2012

PICCOLE STORIE #1


“Per me scrivere è stato sempre cogliere,
dal tessuto fitto e complesso della vita qualche immagine,
dal rumore del mondo qualche nota e circondarla di silenzio”.
Lalla Romano

In silenzio
Andare per monti, sciare in neve fresca e scalare a volte può essere un atto creativo. Avere di fronte uno spazio aperto, una distesa innevata, una parete rocciosa stimola non solo una semplice azione fisica ed atletica ma lancia una sfida su come attraversare questi luoghi. Una sfida che implica delle scelte etiche ed estetiche. Posso lasciare una traccia, effimera o meno, del mio passaggio senza prevaricare l’elemento naturale? E se posso, quale traccia voglio lasciare? L’elemento naturale non è solo il palcoscenico del nostro agire, la natura ha i suoi diritti e merita rispetto. Dovremmo sempre muoverci con tutti i sensi aperti ed essere in grado di cogliere la complessità, attraversando gli spazi in punta di piedi pronti a cogliere un’immagine o un suono, da conservare, tenere per se o condividere.
Ho sempre pensato che solo raccontando le nostre storie, i nostri progetti, magari solo alcuni, si riesca a rendere vivo il nostro fare. Raccogliere e restituire questo materiale ci permette di fare migrare i ricordi e le intuizioni personali in una memoria condivisa e collettiva. Luoghi ed esperienze distanti tra loro, nello spazio e nel tempo, lentamente sedimentano per essere poi raccolti, vicini tra loro, in una narrazione corale. Mi piace immaginare che anche noi, numero dopo numero, nella nostra piccola realtà e con i nostri semplici mezzi si tenda, anche solo timidamente, verso il senso profondo della scrittura. È bello pensare che tra queste pagine ognuno di noi possa trovare immagini e note circondate di silenzio.
Buona Lettura