LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film
LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

mercoledì 11 gennaio 2017

33 #UNIMMAGINEDICEPIUDIMILLEPAROLE

Venerdì 30 ‎dicembre ‎2016, ‏‎17:15:34
Presolana – Cengione Bendotti - Parete Nord – via 12 anni di Albani

Ci sono attimi difficili da raccontare. Se metto a fuoco un dettaglio, perdo il disegno dell’insieme. Se mi concentro sul panorama, perdo tutti i particolari che lo compongono. In entrambi i casi il senso di ciò che ho fatto, di ciò che mi circonda, mi sfugge tra le dita. Ho bisogno di tempo affinché tutto ciò che ho provato e vissuto possa sedimentare, perché quella tempesta di emozioni, ricordi e sentimenti, che mi si scatena dentro, nel profondo, si acquieti. Solo così riesco ad apprezzare ogni particolare che, come tante tessere di un puzzle, va a comporre un quadro compiuto. Sono ormai passati dodici giorni, era già lo scorso anno, e ancora fatico ad avere una visone lucida di quelle quarantasei ore vissute a Nord. Un frammento però, in questi giorni, ha acquistato la sua importanza: quando, superate le incognite e le maggiori difficoltà della salita, eravamo ormai certi di completare la scalata, anche se il cammino da compiere era ancora lungo e tutto da guadagnare con attenzione e pazienza.

Erano da poco passate le cinque del pomeriggio quando, dopo due giorni di scalata, siamo arrivati sul Cengione Bendotti. In quell’istante ha avuto termine la più dura scalata invernale, che la Regina ci ha concesso di salire, lungo la sua parete più imponente, La Nord. Ora “La via del Roby” ha una salita invernale. Per l’esattezza la via si chiama “12 anni di Albani” ma da quando Roby ci ha lasciato, per noi questa è “La via del Roby”. Ci avevamo già provato due inverni fa, ma la troppa neve in parete ci aveva respinto già al secondo tiro. L’altro giorno invece ce l’abbiamo fatta, all’ultima sosta gli occhi erano lucidi e non trovavamo le parole per dire nulla. L’altro giorno all’ultima sosta, semi sepolte dalla neve, abbiamo ritrovato le bandierine tibetane, logore e scolorite, messe anni fa da qualche amico in ricordo di Roby. Preghiere a sventolare nel vento. Abbiamo pensato a lui, a Roby. Eravamo stanchi e le luci del tramonto tingevano di fuoco le montagne. Quanta bellezza attorno a noi. Una breve pausa per bere un sorso di the caldo e un poco di frutta essiccata. Poi siamo ripartiti, trascinando il saccone lungo i nevai del Cengione sino ai piedi della parete finale. Ci aspettava il buio e ancora tre lunghezze di misto sino alla vetta. Ci attendeva la cima e poi una lunga discesa dalla via normale, sino alla Grotta dei Pagani e da lì al passo. Contro uno sperone di roccia abbiamo attrezzato una sosta e con calma abbiamo ripreso ad arrampicare, a salire, ingoiati dalla notte.

Nessun commento: