LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film
LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

mercoledì 6 settembre 2017

14 #CORRERE– Ripartire

“Bisogna ritornare sui passi già dati, per ripeterli, e per tracciarvi a fianco nuovi cammini.
Bisogna ricominciare il viaggio. Sempre.”

Josè Saramago


C’è sempre un imprevisto, c’è sempre un contrattempo, c’è sempre una causa di forza maggiore che ti impone uno stop. E ti fermi. E quando questo momento arriva i progetti li devi mettere in un cantuccio e il lavoro fatto lo perdi. E sai che quando ripartirai, ti toccherà ricostruirlo, questo lavoro, se non tutto anche solo in parte. Ma non te ne preoccupi, anzi ne approfitti. Hai tante cose lasciate in sospeso e che ti attendono. Altri progetti, altri desideri che hanno bisogno d’immobilità e della quiete tra le mura di casa. Allora ti avventuri tra le parole, quelle lette e quelle scritte, quelle da leggere e quelle da scrivere. Esplori altri territori mentre il corpo riposa e si ripara, con i suoi tempi e con le tue cure. Poi arriva un momento in cui hai bisogno di sentire la fatica, quella fisica, quella del sudore che cola sulla pelle, del respiro che gonfia i polmoni, dei muscoli che bruciano. Di questo desiderio, te ne fai carico e inizi ad immaginare come sarà la prima uscita: la prima scalata, la prima corsa, la prima pedalata. Infine arriva il giorno in cui esci di casa e timidamente riparti. Che bello sentire il corpo in movimento e lo ascolti, ti ascolti: il fiato grosso, il cuore che batte impazzito, il sudore che s’incrosta sulla pelle, l’acido lattico che si accumula nei muscoli. Senti che sarà dura e sai già che ci vorrà del tempo, tanto tempo, perché tutto torni come prima. Ma non te ne curi e ti godi il piacere che scaturisce da quei momenti. Piano piano allarghi il tuo raggio d’azione e ti dai sempre più tempo per girovagare tra i boschi e le vette. I sentieri sono sempre gli stessi e le montagne pure, nemmeno loro sono cambiate. Chi è cambiato sei tu. Ed eccoti qui, tra i giganti spruzzati di neve, a cercare di correre e ripartire.


Nessun commento: