LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film
LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

mercoledì 23 agosto 2017

44 #UNIMMAGINEDICEPIUDIMILLEPAROLE – Musica e armonia

Lunedì 14 agosto 2017, 14:58:00 – Jü de Börz, Sass de Putia

Mi pare di sentir della musica. Che strano!
Il sole è alto ma l’aria è fredda sulla pelle sudata. Per ora ho macinato pochi chilometri, correndo tra i boschi e i prati del Passo delle Erbe.
Eppure mi pare di sentire della musica. Lo sguardo è incollato all’imponente parete nord del Sass de Putia. Il pensiero va ai fratelli Messner, Reinhold e Günther, che nell'estate del 1968 tracciarono una linea tra gli strapiombi giallastri di questa muraglia. La voglia di tornare a scalare c’è, anche se per ora se ne resta tranquilla a sonnecchiare in un angolino. Correre è già una gran bella cosa e correre tra queste montagna è ancora più piacevole.
Una folata di vento gelido mi porta chiaramente delle note, come se qualcuno suonasse in qualche luogo, lì vicino. Magari è solo immaginazione. Io e la mia fissa con la musica che mi accompagna mentre corro. Che le “erbe aromatiche” del Jü de Börz siano erbette particolari e sprigionino nell’aria sostanze lisergiche o psicotrope? Boh, chissà!
La ghiaia scricchiola sotto le suole delle mie scarpette, mentre spingono lungo il ripido sterrato che tra poco mi darà accesso ai prati e ai pascoli in cui se ne resta conficcato questo gigantesco obelisco di dolomia, pietra d’angolo delle Odle. Oltre il dosso so già che mi attende un tratto pianeggiante e poi un bivio. A destra la strada che imboccherò per iniziare a circumnavigare la Putia e salire sino alla sua sommità. A sinistra la strada da cui tornerò chiudendo l’anello della Putia: La Roda de Putia per i ladini. Ecco il dosso ed ecco nuovamente la musica. La strada spiana e la falcata si allunga. Lo sguardo si alza a cercare la parete, ma subito si blocca.
Che meraviglia! La musica c’è, è reale, e si sparpaglia sui prati, portata da un vento bizzoso. E c’è pure il musicista con il suo pianoforte a coda. Eccolo! Proprio lì, al bivio, piantato nel bel mezzo di uno scenario da togliere il fiato. Rallento e inizio a camminare, questo tratto di strada me lo voglio proprio godere e questa colonna sonora inaspettata voglio che mi entri dentro, per accompagnarmi lungo tutta la mia Roda de Putia. Non so cosa stia suonando ma so che è puro piacere ascoltarlo durante il cammino. Al bivio mi fermo qualche istante e la musica segue lo sguardo verso la grande parete che ci sovrasta. Ci sono attimi in cui la meraviglia, come un’onda, prima ti travolge e poi ti solleva e ti sospinge. Riprendo a camminare sul ritmo di quelle note, svolto a sinistra, e mi lascio condurre. Senza accorgermi ho ripreso a correre e una sensazione piacevole è rimasta con me, un sensazione fatta di musica e armonia.
Dalla vetta scruto verso i prati del Jü de Börz e mille metri più in basso, proprio lì, al bivio e tra i prati c’è il pianoforte a coda. Osservo mentre il vento freddo soffia rumoroso tra le rocce e le note di quel pianoforte risuonano ancora dentro me.

Nessun commento: