LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film
LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

domenica 5 maggio 2013

... PERO' C'E' IL MARE DA ASCOLTARE



… l’arredamento non cè,
però c’è il mare da ascoltare,
il tramonto da aspettare.
Qui dentro noi viviamo liberi.
Vada via, se non riesce
a stare in sintonia. 
Bruno Lauzi – L’ufficio in riva al mare



Musica, musica, musica. La risacca, le onde, il vento, il rombo delle auto sulla Flacca, il vociare dei turisti al santuario, il tocco delle campane, il silenzio del bosco, il frusciare delle foglie, il grido dei gabbiani, il canto di invisibili uccelli nella macchia, lo sciabattare del Cardu, la battuta pronta di Dan, il suono del materiale appeso all’imbrago, lo scattare dei moschettoni. Musica, musica, musica.

Siamo sul bordo della scogliera. Siamo sul bordo della Montagna Spaccata. Oggi il cielo è di un blu intenso e profondo, non una nube, non un vapore, non una velatura. Blu semplicemente blu, cielo e mare, mille tonalità a fondersi in un  orizzonte netto e lontano. Una linea oltre la quale si aprono infiniti mondi, infinite vite, promesse. Una linea che a volte è un limite, una soglia entro cui ritroviamo il nostro spazio. Su questo mare veleggio Ulisse, su questa coste approdò per ripartire e cercare senza tregua ciò che c’è oltre ogni orizzonte.

Buttiamo le doppie, le corde sibilano nell’aria perdendosi oltre il bordo. Mi affaccio, una vertigine di roccia precipita a fondersi nello specchio inquieto. Acque che danzano e suonano la loro melodia, che rimandano canti di sirene e voci di marinai, di amori impossibili e di potenti magie. Inizio a calarmi e mi immergo nei miei pensieri e in questo spazio fatto di vuoto. Spazio compreso tra due linee, due superfici, una verticale e l’altra orizzontale. Geometrie perfette ad intersecarsi la dove ribolle la risacca. Dimensioni che si fronteggiano e si fondono, amplificando tutto quanto accade in questi cieli che le colmano.

A pelo d’acqua sostiamo, ci ritroviamo, recuperiamo le corde con attenzione per non farle cadere in acqua. 

Non abbiamo fretta e ci piace restarcene appesi sopra lo schiumare delle onde. Si chiacchiera, si ride, si sta zitti, in sintonia perfetta. Nel mentre riempio gli occhi di tanta meraviglia e le orecchie dei suoi suoni, della sua musica. Certi istanti vorremmo durassero sempre, ma “non c’è niente che sia per sempre” ed iniziamo a scalare, iniziamo a salire.

Quattro giorni tra Sperlonga e gaeta, tra verticale e orizzontale in una photogallery

Nessun commento: