LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film
LE TRAVRESIADI: appunti di viaggio e diario di produzione del film

sabato 15 dicembre 2012

L'ELEGANZA DI MICK


Mick Fowler in camicia


17 novembre 2012 - Da anni non venivo a scalare in Medale. Ora sono qua in sosta, nel punto in cui la via Saronno 87 si stacca dalla via Anniversario. Siamo in due: io che non parlo inglese e Mick che non parla italiano, nonostante questo futile dettaglio passiamo il tempo a cercare di dirci qualcosa, non importa cosa, ma qual cosa si riesce a dire tra parole incomprese, gesti, sguardi e sorriso. Un dialogo surreale punteggiato da risate. Nel mentre do corda a Tito, che sale, e di tanto in tanto gli chiedo la traduzione di qualche parola. La situazione è divertente e comica. Mick mi mostra come attrezzare una sosta con un solo moschettone e con l’aggiunta di una piastrina come assicurare i secondi di cordata. Marco e Andrea salgono ma non sono tanto convinti della bontà del sistema. Però se lo fa Mick ed in Inghilterra fan tutti così, andrà sicuramente bene. Strano a dirsi ma né Marco né Andrea sono desiderosi di testare il sistema, li incitiamo a saltare sulla corda, ma ci rispondono simpaticamente di …

Mick Fowler e Marco Anghileri

Mick si fa ancora un paio di tiri e poi va in testa Marco. Andrea inizia a rilassarsi. Io e Tito ci alterniamo da capocordata e apriamo la strada all’allegra comitiva. Ci sono attimi in cui ci troviamo, più o meno, tutti in sosta o nei paraggi, in quel frangente non si sprecano battute e risate. Inglese o italiano poco importa e nemmeno mi importa più di capire tutto ciò che si dice, c’è un altro livello di comunicazione che passa buone vibrazioni tra tutti, stiamo scalando, siamo rilassati e ci stiamo divertendo.
Solo qualche settimana fa per me: Mick Fowler, era solo un nome, non un mito ma certamente un riferimento per il mio modo d’intendere cosa è Alpinismo. Poche e-mail sono sufficienti per invitarlo a Bergamo e per avere il suo OK, poi parte per la sua abituale spedizione su montagne inesplorate, da salire in stile alpino. Quest’anno è tornato a casa con una linea impressionante per la sua bellezza ed eleganza: The Prow allo Shiva, nove giorni in completa autonomia. Solo lui e l’amico Paul Ramsden sulla montagna, sette giorni per salire e due per scendere.

Tito Arosio



Incredibile ora lui è qui, tranquillo e rilassato che scala con noi in Medale, si diverte, ci divertiamo. Lo guardo e mi impressiona questa semplicità, questa capacità di godere di ogni cosa, di ogni attimo, di ogni incontro e di ogni momento verticale che gli si offre. Mick conosce già Marco e Andrea, ma io e Tito siamo due emeriti sconosciuti che lo hanno invitato per una serata; eppure è come se ci conoscessimo già.

La “normalità” delle imprese straordinarie è il sottotitolo del suo libro, mi viene da dire che è così anche nella vita di tutti i giorni, uno straordinario alpinista che sa vivere la “normalità” della vita che ogni uomo affronta giorno dopo giorno. Mick per le sue salite e per alcune in particolare ha avuto riconoscimenti prestigiosi nel mondo alpinistico, eppure è lontano anni luce da certi atteggiamenti da Star tipici di alcuni alpinisti sia nostrani che stranieri. Ora lui è qui e questa sera ci parlerà del suo Alpinismo, ma adesso vuole scalare con noi, non gli interessa se la via è chiodata o non è chiodata, se è lunga o corta, se è facile o difficile. Tutto questo è secondario. Ho la sensazione che a Mick ciò che veramente interessa è condividere le sue esperienze i suoi pensieri e fare un raccolto delle riflessioni altrui. Tito è entusiasta e il confronto tra i due mondi, quello del Club Alpino Italiano e dell’Alpin Club Britannico, di cui Mick è presidente, ci dona tanti spunti per riflettere e per comprendere dove sta andando il nostro e il loro alpinismo e di come, soprattutto i giovani, potrebbero trarre vantaggio da uno scambio continuo tra queste due associazioni. Mentre scaliamo, facciamo notare a Mick che è veramente elegante. Il giorno prima nel tardo pomeriggio è uscito dall’ufficio delle imposte inglese, dove lavora, e si è recato in aeroporto, dove si è imbarcato per Bergamo. La camicia bianca che aveva ieri è la stessa che ha oggi sotto la felpa. Siamo all’uscita della via e lui se la ride sornione, abbassa la cerniera per aggiustarsi il colletto della camicia e, aggrappandosi a due ciuffi d’erba, ci chiede di scattare una foto a testimonianza di tanta eleganza. Marco se la ride alla grande dicendo “Che spettacolo!”, Tito sorride pensando a tutto quello che Mick gli ha raccontato. Io, mentre colgo quelle immagini, mi godo il panorama su Lecco e i riflessi del sole sul lago velato da foschie e vapori. Manca qualcuno. La voce di Andrea arriva da sotto: “Cordaaaaaaaaa!!!!”. Marco esclama: “Oh Signur! Ci siamo dimenticati il Marco”. Tutti scoppiamo in una risata, anche Mick se la ride. Inglese o italiano non cambia nulla, siamo tutti sulla medesima lunghezza d’onda. Andrea sbuca dal basso e noi ce la stiamo ancora ridendo, ci guarda e ride anche lui. Sistemiamo il materiale e iniziamo a scendere. Con Tito e Mick dobbiamo rientrare veloci a Bergamo, per farci una doccia ed essere puntuali per l’inizio della serata della rassegna IL GRANDESENTIERO. Mentre scendiamo continuo a pensare a questi due termini “straordinario” e “normale”, parafrasando il sottotitolo del libro di Mick, se dovessi riassumere questa giornata e l’incontro con Fowler in una frase, mi verrebbe da dire: “La straordinarietà di una salita normale”.
Alcuni grandi alpinisti sanno essere anche grandi uomini, così con leggerezza ed ironia e fare diventare straordinario ogni attimo del proprio vivere quotidiano.





Mick Fowler e Piermario Marcolin

Vorrei ringraziare: Mick Fowler per avere accettato il nostro invito, Tito Arosio per la disponibilità e l’energia profusa, Marco Anghileri per la sua solita simpatica compagnia, Andrea Gaddi editore di Alpin Studio per avere nella sua collana i libri di Fowler, Luca Calvi infaticabile traduttore che ci ha coaudiavati durante la serata, Piermario Marcolin presidente del CAI di Bergamo per averci dato l’opportunità di avere Fowler nostro ospite, Alberto Valtellina di LAB80 ancora una volta compagno d’avventura per IL GRANDESENTIERO 2012.

Nessun commento: